Spezzatino di Spada con melanzane ... e ce l'ho solo io una figlia che...

spezzatino di pesce spada con melanzane


perde tutto?
E' la novità di quest'ultimo anno, nel senso che fino a qualche tempo fa, con buona pace del portafogli della sottoscritta, questa abitudine ancora mancava. Si rompevano cellulari, non si scrivevano i compiti sul diario, si dimenticavano i libri a scuola, non ci si metteva la cintura a tener su i jeans, si usciva con le scarpe da tennis anche sotto la neve  e i muscoli  più allenati di tutto il corpo erano queli che presiedono alle funzioni motorie del pollice della mano destra e guai a dirle che avere diritto a 100 sms gratis al giorno non implica di necessità doverli inviare tutti, per 30 giorni al mese: "me lo dici sempre tu, che non si devono buttare via i soldi. E comunque, devo dire una cosa importantissima alla Gingi".  Ma la perdita delle cose, quella, ci mancava. 


Ora, invece, ci abbiamo pure quella e, di tutte, è quella che mi manda più in bestia. Perchè non è che si perdano "cose", in modo generico e indefinito. Si perdono solo "cose belle", spesso e volentieri anche "care" e talvolta introvabili. Tanto che finora fra quelle che sono state miracolosamente ritrovate se ne conta una sola, a fronte di un'infinità di mesti de profundis, per il mio portafoglio e il mio sistema nervoso. E l'ultima, è la ferita più profonda :-)

image from here

dunque, dovete sapere che son sei mesi, dico sei mesi, che tengo il tormentone della cannuccia vintage. Per il resto del mondo, sarebbe roba da neuro deliri, ma per me è assolutamente normale: d'altronde, se è legittimo sbavare sull'ultimo modello di una Vuitton, non vedo perchè non lo si possa fare su queste cannucce-e pazienza se ogni volta che sostengo pubblicamente questa tesi, i miei interlocutori iniziano a guardarsi attorno, preoccupati, e dopo un po' mi salutano e spariscono per sempre. Da noi funziona così e tanto basta. 
Tornando alle cannucce, l'impresa si annunciava quasi impossibile.Perchè quelle che volevo io- di quel materiale,d i quella lunghezza, di quei colori- stanno solo al di là dell'Oceano e, orrore degli orrori, sono uno dei pochi articoli che al di qua non viene spedito. Non che la cosa mi turbasse in modo particolare: per una che, l'altro giorno, ha detto soprappensiero che dobbiam tornare a Londra, "perchè ho finito il lemon grass", fare un giro di shopping in qualche magazzino del New Jersey non è impresa così peregrina. A preoccuparmi, sarebbe stata l'opera diplomatica preliminare, ossia convincere il marito che riempire un carrello negli USA è più conveniente che andare all'Ipercoop e, a dirla tutta, stavolta la vedevo dura. Ma non avevo fatto i conti con la dea della provvidenza, la natura refrattaria alla moda di noi Genovesi e i saldi di fine stagione: una joint venture perfetta che ha fatto sì che queste cannucce venissero vendute al reparto casalinghi della Rinascente- e pure al 70% di sconto.
Ad accorgersene, è stata la suocera. Che, bontà sua, me le ha anche comprate, visto che ogni volta che partivo per la missione non le trovavo. E le ha anche prese tutte, con scorte che avrebbero coperto tutti i compleanni di nipoti, pronipoti e bisnipoti a venire. Dopodichè, le ha imballate in un bel sacchettone e lo ha consegnato alla creatura, perchè lo portasse a sua madre. 
E ora, perdonate l'appello, ma so che capirete: "se qualcuno di voi ha trovato un sacchetto rosa della Rinascente, pieno zeppo di cannucce vintage, di colore rosso, azzurro e grigio, abbandonato fra Carignano e Piazza Dante, nel punto dove ci siamo duvuti allacciare le stringhe (di più non sono riuscita ad estorcere), sappia che ogni volta che le userà, c'è una donna che piange". 
(per quelli che ricevono la nius, solo due parole: "ecco. Appunto")

SPEZZATINO DI PESCE SPADA CON MELANZANE


spezzatino di pesce spada con melanzane

Ricetta già apparsa su Facebook, sull'onda dell'incontenibile entusiasmo immediatamente successivo all'assaggio di quello che sarebbe dovuto essere un piatto di ripiego ("mi dia ANCHE del pesce spada, qualcosa mi verrà in mente") e che invece si è rivelato una gustosissima sorpresa. Ora ve la rispiego qui, per quelli che Fb no e l'amicizia con una che impazzisce per delle stupide cannucce nemmeno...

per 4 persone
circa mezzo kg di pesce spada, tagliato a tocchetti di circa 2 cm
mezza cipolla 
1 spicchio d'aglio
una ventina di pomodorini BUONI
una melanzana 
un bicchiere di vino rosè
brodo di pesce
poco peperoncino
origano
sale
olio extravergine di oliva
Tagliare la melanzana a tocchetti e farla cuocere in padella, da parte, con poco olio e sale, fino a quando non diventa tenera, ma compatta. 
In una casseruola abbastanza capiente, far rosolare lo spicchio d'aglio in poco olio- e poi levarlo. Aggiungere la cipolla tritata e far imbiondire, a fuoco basso. Togliere la cipolla e, nella stessa casseruola, versare i tocchetti di spada. Alzare la fiamma, far rosolare per qualche minuto, poi sfumare col vino. Far evaporare, aggiungere il battuto di cipolla, i pomodorini tagliati a metà e privati dei semi, la melanzana, il sale. Abbassate la fiamma, mettete il coperchio e lasciate cuocere per una ventina di minuti, aiutandovi con un po' di brodo di pesce, se necessario. Dopodichè, togliete il coperchio, aggiustate di sale, aggiungete il peperoncino, date una bella mescolata e alzate la fiamma, in modo che evapori un po' del liquido rilasciato in cottura dalle verdure: deve risultare brodoso, ma non è una zuppa. Tostate delle fette di pane casareccio, mettetele nei piatti individuali e versatevi sopra lo spezzatino. Servite con una spolverata di origano

spezz2

Note mie

Si tratta di una preparazione poco originale nell'abbinamento degli ingredienti, ma non per questo dozzinale o scontata, anzi: vi assicuro che era da un po' che non traevo sì grande soddisfazione da un piatto di pesce "cucinato", visto che son della scuola che a. il pesce, o fresco o niente; b. se fresco, non lo si pasticcia. Invece, mi sono ricreduta e l'intenzione è quella di studiarci un po' su, per farne un piatto unico da super cene. In generale, comunque, senza pane potrebbe essere un secondo piatto, mentre col pane, seguto magari da un'insalata mista, può tranquillamente costituire una cena. 

Per quanto riguarda gli ingredienti, va da sè che lo spada debba essere fresco e i pomodorini debbano saper di qualcosa- se di pomodori pachino, poi, è ancora meglio. Qui al Nord è impresa quasi impossibile per cui potete sostituirli con dei pomodori a grappolo, abbastanza maturi: in tal caso, sbollentateli qualche minuto in acqua bollente non salata, poi sbucciateli, togliete i semi e tagliate la polpa a tocchetti, prima di aggiungerli allo spezzatino

Per quanto concerne il brodo di pesce, l'ideale sarebbe farsene delle scorte in freezer, ogni volta che si può. Siccome son di natura schizzinosa, io lo preparo solo con i carapaci e le teste dei gamberi o delle mazzancolle: le faccio bollire in abbondante acqua, insieme a mezzo limone e a un po' di odori (carota, sedano e prezzemolo) e quando il brodo è pronto, lo filtro bene e lo congelo, negli stampini da créme caramel della cuki oppure in contenitori simili: l'essenziale è che abbiano la stessa capacità, perchè di solito non ne serve tanto. Anzi, da un po' di tempo, ogni volta che preparo il brodo, lo faccio "bello spesso", come si dice qui a Genova, che così anche se devo allungare con acqua, in cottura, non si perde il sapore. Se però non avete scorte di questo tipo, potete usare del brodo di verdura. Tendenzialmente, non uso il granulato di pesce per brodo: l'ho comprato, l'ho provato, non mi è sembrato granchè. Però, mi hanno regalato un prodotto simile, comprato in pescheria, che mi sembra validissimo. Provate a chiedere al vostro pescivendolo di fiducia: l'optimum resta sempre il brodo di pesce, ma per le emergenze, questo è l'ideale. 

Vino: rosè, questa volta, perchè quello c'era. Ma si è rivelato una scelta vincente.

in merito al procedimento, laddove posso faccio sempre una cottura separata. Le due verdure hanno infatti tempi di cottura diversi e se prima faccio soffriggere la cipolla a fuoco basso e poi alzo la fiamma per rosolare lo spada, rischio che la prima si bruci. In più, mi sembra che in questo modo i sapori si mantengano più distinti. 
Io ho usato l'origano, perchè è defunto il basilico sul poggiolo: se lo avessi avuto, avrei messo anche quello. potete anche aggiungere delle olive e dei capperi, se preferite, anche se per me, come dicevo, è perfetto così. 
Buona giornata
alessandra




Condividi post

Repost 0
Commenta il post

alessandra (raravis) 09/15/2011 23:31

Natali, Thank's a lot and have a nice day you, too!

simonetta, ridoooooo... che sia l'aria di Genova??? e di piazza Dante, in particolare??? :-)
buona notte
ale

simonetta 09/15/2011 20:51

C'è chi è riuscito a scendere dal 48 ( a proposito di P.zza Dante) con il manico attaccato al braccio ma senza il resto dell'ombrello, peraltro desiderato strenuamente. Alla distrazione non c'è mai fine!!!!!

Natali 09/15/2011 16:11

Hi Daniela..so translator is ready for you on my page :) you have great blog ! will be follower :)
Have a nice daaay :))

alessandra (raravis) 09/15/2011 07:00

e non me lo dire... :-((((((((
sul fatto che sembri figlia tua: sarà per questo che sopravvive indenne alle ire di sua madre? :-)
ciao!
ale

fantasie 09/15/2011 00:02

E dulcis in fundo (???), con un altro tormentone della (come diresti tu) Stefania: perché non abitiamo più vicine???? ... e forse mi ripeto: sembra figlia a me!!! ;)))

alessandra (raravis) 09/14/2011 18:11

Lucia, grazie! proprio vero che non c'è come avere due figlie simili che ci faccia sentire più vicine :-)

Patti, rido io, come una scema, su quella del Nintendo. anche perchè mi è venuto in mente di quando la creatura aveva perso un cavallo di pezza (e pure pezzato) di nome Sioux, comprato a covent Garden e lasciato su un autobus a Piccadilly. Aveva sette anni e io avevo giurato che mai nella vita avrei reintegrato le cose perse. Scendiamo dall'autobus, fa tre passi, si accorge che manca Sioux, si mettea piangere e io durissima, resisto. Al terzo passo, finiamo davanti ad una vetrina piena di peluches, con il fratello di Sioux in primo piano. a quel punto, immaginati un Carramba che sorpresa versione under 10, con lei abracciata alla vetrina che diceva "caro, caro, ti hanno fatto prigioniero"- e la commessa bastarda subito sulla porta... l'unica consolazione è che ce lo abbiamo ancora adesso, il buon Sioux :-)

Cristina, e lo sapevo, lo sapevo, lo sapevo...senti, facciamo così: mi ci accompagni, ok? :-)

Loredana, le converse sono un'altra maledizione. Per inciso, ai miei temppi si chiamavano All Star ed erano le scarpe dei buzzurroni. Ora sono le stesse di un tempo - ma mi tocca pagarle l'iradiddio e vederle ai piedi di mia figlia. E pure scalzi, anche d'inverno...

Maria chiara, ci sto. Battuta di caccia, con tanto di corno, per gli scongiuri, che maniman le perdiamo di nuovo :-9

Ele, DI-SGRA-ZIA-TA ( e fuori uno): e se non lo capite, andate a vedere la foto che ha pubblicato sul mio profilo di Fb. E GUAI A CHI RIDE CAPITOOOOOOOOOOO???? ... questa è lesa maestà, altro che!!
(serissima: anch'io rido come una scema, dal commento della Mapi in poi. E dal tuo, rido come tre sceme. Dal che si evince come minimo che non siamo serie food blogger :-)))) colpa vostra, sia chiaro. Io, di mio, sono serissima. E' che mi avete traviato...:-))))


Eli/fla: ecco l'altra. Il biglietto aereo te lo offre mia figlia, come acconto per la parcella di questa difesa d'ufficio...:-))))

Manu e Silvia: e lo so, che da qualche parte saranno! ma non dalla parte giusta!!!

MAPI. TU QUOQUE, MAPI, (EX) AMICA MEA.Non bastavano le difese ad oltranza, le ola per la creatura, l'assioma de "la Carola ha sempre ragione". No. Pure l'arma letale del coniglio, dovevi tirar fuori... e comunque, com'è che era in metropolitana? Mario l'aveva avvistato in autostrada, in zona Firenze...
MA QUANTO RIDOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO???? :-))))))
grazie-grazie-grazie

alessandra (raravis) 09/14/2011 18:02

Dal fondo
virò, alzheimer va bene, come risposta? :-))))
ci scherzo su, ma solo perchè di recente ci è capitato qualcosa di simile e ho toccato con mano la mortificazione delle persone coinvolte.
Proviamo con Sant'antonio, cosa dici??? :-)

Fico&Uva: ma poi le ritrova? perchè anche la mia, per un periodo, faceva così. solo che poi si dimenticava di sfidarmi e quindi anche dove avesse nascosto il bottino.... Un incubo già allora, guarda!!!

Teresa, io ero a casa- e così abbiamo mandato il suocero in avanscoperta. Non voglio nemmeno pensare alle facce che avranno fatto i vari negozianti, alla domanda "vi hanno mica portato un quintale di cannucce?"... mamma mia...

manine in pasta :-) ridooooo: il fatto è che "prima", quando le potresti sopprimere senza troppi danni :-))) sono così assolutamente deliziose che ti chiedi come hai potuto vivere senza di loro. E quando si trasformano, è troppo tardi :-)) (e ti toccherà pure fare le ricariche!)

Elga, le vere amiche si vedono nel momento del bisogno... col cannocchiale, però!!! :-))))

Francesca, cercami su FB come Alessandra Gennaro. Oppure ti cerco io che faccio prima. Per il resto, non sai quanto ti capisca. Fatti coraggio, perchè passata la prima botta poi ci si abitua. e si ingrassa pure, pensa un po'...

Emmetì, tranquilla per il neurone, che qui sei in ottima compagnia: per dire, lo sapevo anch'io, del basilico. E difatti, sono andata a far la spesa di domenica, contrariamente ai miei diktat.Ma al mattino, però, E pure presto... ma si puòòòòòòò???

Titti, e non me lo ricordare, che mi rimetto a piangere :-)))

Gis: appunto, ce li teniamo...

Spighetta: li consiglio anch'io e mi sa che la prossima volta li aggiungo di default

Laroby: è perchè ci sei caduta dentro da piccola. In quella stessa cosa che si beve la Mapi,prima di prendere la metro...:-)

elena, non disperare: arriverà anche il momento in cui perderà cose tue e/o di alto costo :-)))) scherzo, ovviamente: speriamo di no!!!!!

Fabio, e io invece ho visto una renna su un maglione da gran figo e le ho detto: vedrai cosa ti tocca, fra un po'...:-)

Virò 09/14/2011 17:18

Sì, va bene...però la creatura è una creatura!

Cosa vogliamo dire di me che indosso dopo tanto tempo il filo di perle, dono dei miei genitori per i diciotto anni, in macchina me lo tolgo per paura che il sudore lo rovini, lo appoggio in grembo e poi...mi dimentico, posteggio, mi alzo e me ne vado!

Così, dato che siamo in tema di chi l'ha visto, se oltre al coniglio ed alle cannucce, qualcuno trovasse le mie perle non sarebbe male!...

Fico e Uva 09/14/2011 17:04

Mia figlia è ancora piccola non perde le cose ma le nasconde ;-) poi ti sfido a trovarle!!
Mi ispira moltissimo questa ricetta...

Anonymous 09/14/2011 16:38

non disperate, abbiamo un identikit delle scomparse e cercheremo di rintracciarle!! ma lei è sicura, signora, che non si siano allontanate volontariamente?.. Bella la ricetta, io il pesce spada lo faccio sempre allo stesso modo, giunge a proposito la novità! Teresa G.

alessandra (raravis) 09/14/2011 14:06

commento tecnico: la creatura deve studiare due capitoli di letteratura italiana, per domani. Presumo che il professore glieli abbia dati per tempo, ma preferisco non indagare- non al terzo giorno di sucola. Per cui, ora mi immergo in lingue d'oc e d'oil (e linguacce alla Mapi e alla Eli fla e alla Eleonora e a tutte quelle del Fans club della creautra), poi passo e vi rispondo come si deve.
ciao
ale

manineinpasta 09/14/2011 13:50

La mia ha solo 4 anni, quindi non abbiamo ancora visto nessuna di quelle fasi. Si possono eventualmente sopprimere prima della fase sms, che dite?

Elga 09/14/2011 13:49

Roba da far saltare i nervi anche a Gandhi...ma se le avessi trovate io..non so..forse avremmo fatto a metà!

Aria 09/14/2011 13:12

quanto ti adoro! devo torvarti su facebook!!! ehi, sai che ho scoperto che non sono allergica alle pesche??no, ben peggio: ad una proteina che è contenuta in particolar modo nella pesca ma anche in tantissimi frutti, in tanta verdura, in tutti i cereali tranne il kamut e nei legumi.insomma, forse stavo meglio quando non lo sapevo. domani vado all'idi di roma per fare altre analisi, poi ti aggiorno...bacioni ale!ps: non so come farò a partecipare all'mtc di settembre...ma inqualche modo ce la farò!

emmetì 09/14/2011 12:25

errata corrige : VASI DI BASILICO etc etc. Pare continuera' anche domenica prox. La ricettina mi ha sconvolto non solo le papille gustative, il cervello ( residuo), évidemment... baci a tutti . mt

Titti@CuisineOblige 09/14/2011 11:45

Ahaha!!! Ma quanto sono belle le cannucce vintage?! Anche una semplice Coca bevuta con una di queste cannucce diventa magica :)
Ottimo anche lo spezzatino di spada :) Bacioni

Anonymous 09/14/2011 11:10

Ciao. Buono e semplice questo spezzatino. Da fare.
per le cose perse, non tocchiamo questo tasto. Picchiare è poco, uccidere troppo che si fa?? ce li teniamo. Gis

spighetta 09/14/2011 11:05

Che ricettuzza molto invitante! Io ci vedo bene anche un pizzico di olive nere e capperi ;)

laroby 09/14/2011 10:49

anch'io ho visto lo stesso coniglio della mapi...!!!! :-)))

Elena 09/14/2011 10:38

Anch'io ho una figlia che perde tutto, per fortuna finora solo cose sue e di basso prezzo, ma ti capisco, ah come ti capisco!
Il pesce di solito mi piace cucinato nel modo più semplice possibile, ma se dici che questa ricetta ne vale la pena mi fido e la proverò!

Anna Luisa e Fabio 09/14/2011 10:18

Io invece ho visto un ciuccio davanti al Duomo (era lì davanti per mettersi ic coda per il miracolo di "San Gennaro"), aveva un ciondolo di Tiffany e beveva un caffé freddo shakerato con una di quelle cannucce!
Fabio

lucia 09/14/2011 09:52

Ahahahahah! Hai descritto mia figlia, temo, fra qualche anno. Ora a 12 mostra evidenti segni che tra poco assomiglierà alla tua... se vedo le cannucce alla Rinascente di Milano, te le compro e te le spedisco ;). NOn avevo mai pensato di fare un spezzatino con lo spada, da provare! Sono d'accordo con te sul brodo di pesce: quello confezionato che si trova al super non sa di niente, molto meglio mettere in conto di avere la casa che puzza un po' di pesce e prepararselo. Anche io lo surgelo e il trucco di farlo piuttosto spesso (ergo concentrato) di modo che non porti via troppo spazio in freezer è perfetto! Ciao e a presto!

Patty 09/14/2011 09:42

Sono qui che lacrime di prima mattina, stringo le labbra con grinze da vecchia perché ho il terrore che il mio collega, che sta parlando al telefono a mezzo metro da me, mi chieda perché sembra che abbia le convulsioni. Devo smettere di leggere i tuoi post quando sono in pubblico! E, anche se di magra consolazione, sappi che una figlia con le stesse caratteristiche della tua ce l'ho anche io, anche se per il momento il lato cellulare è proibito senza possibilità di appello. Mia figlia perde tutto ma per il momento fortunatamente solo cose di sua proprietà. Alcune sue perdite, come quella del Nintendo a Vienna, si sono rivelate felicissime e fondamentali per la salute mentale della famiglia. Quando comincerà a perdere le mie, ti chiamerò e fonderemo un club di disperate, allora forse qualcuno manderà finalmente la neuro a fare una buona azione. Stai su. Chi le ha trovate non capirà assolutamente il valore inestimabile del tesoro nella busta rosa. Povero mortale. Un abbraccio come sempre, Pat

cristina b. 09/14/2011 09:30

l'ultima di mia figlia è quella di uscire senza chiavi. nei momenti più impossibili mi raggiunge un SOS sul cellulare: "mammaaaaaa, indovina? sono di nuovo chiusa fuori...". e la mamma corre (o pedala, a seconda dei casi)... ma me lo dicevi, che le indispensabili cannucce te le procuravo io negli States! e di certo non le lasciavo in giro!!!!
questo spezzatino mi intriga assaissimo...

Loredana 09/14/2011 09:21

Ale...personalmente ho rinunciato a provare a riportare la figliola con le converse sulla terra, ma se mi avesse perso le cannucce non so bene cosa le avrei fatto!!
ciao loredana

Anonymous 09/14/2011 09:12

A Trieste purtroppo non c'è la Rinascente, ma si potrebbe lanciare un appello per una battuta di caccia alla cannuccia nelle Rinascenti delle altre città, oppure solo nel negozio di Genova ci sono avanzi di magazzino così chic(....!!!??)

Maria Chiara

Eleonora 09/14/2011 08:59

ahahahahahahah.... sto ridendo come una matta per il commento di Mapi!!!
Ale, se ti può consolare anche io ho un figlio come la tua, per quello che hai descritto sopra e anche perchè lui ai suoi quasi 13 anni, ha già cominciato a perdere tutto... cosa mi aspetta??
comunque...mannaggia lo spezzatino che mi sono persa, la prossima volta dimmelo prima, che la nave da tangeri la prendo davvero!!
un bacione

EliFla 09/14/2011 08:51

....giù le mani dalla creatura...se non si allacciava le (st)ringhe...poteva inciampare e farsi male..... poi comincia ad indagare tra tutte le blogger genovesi..la busta rosa l'ha sicuramente trovata una di loro...perchè solo una di loro avrebbe potuto capire l'importanza di quel bottino!!!!
E comunque...quando fai di questi ripieghi culinari.,..potresti invitarci a prenotare un biglietto aereo ed invitarci a cena, no????

BAcioni, Flavia

Manuela e Silvia 09/14/2011 08:34

Ci consoliamo allora, non siamo solo noi a perdere proprio tutto, anzi, in particolar modo le cose importanti!!
Brava la tua suocera a trovarti le cannucce....peccato epr la perdita..ma dopotutto..mettila così, da qualche parte sono sicuramente!!!
Buonissimo questo spezzatino! d'altronde, chi non ha abbinato spada e melanzane? questa veste è adatta all'inizio dell'autunno!!
un bacione

๓คקเ ☆ 09/14/2011 08:22

Ale, a saperlo!!!! Proprio l'altro giorno in metropolitana ho visto un coniglio con un collare che aveva l'inimitabile simbolo di Cartier e che beveva un centrifugato di carote da una cannuccia IDENTICA a quelle che hai descritto tu.
Vuoi vedere che... :-D