Aceto al pepe rosa, ai lamponi ed alle erbe aromatiche

Di Daniela

Non ha nulla a che vedere, ma devo necessariamente aprire il post di oggi con un racconto che ha come morale la solita vecchia legge nota ovunque, che si potrebbe così riassumere: quando sentite per la prima volta parlare di qualcosa, automaticamente ritroverete la cosa diverse altre volte nel giro di poco tempo. 
Nel mio caso specifico, vorrei consideraste che sono una persona che non fa un uso smodato di creme di bellezza trucchi e similia:  sono piuttosto spartana e, salvo ciò che è strettamente necessario per, diciamo, vivere, non acquisto un gran numero di prodotti.
Ma giusto venerdì, avendo terminato tutte le mie scorte, ho deciso di acquistare una nuovo prodotto . Così entro in profumeria, chiacchiero con la proprietaria, decidiamo il tipo di crema che potrebbe essere più adatta a me e al mio tipo di pelle, parliamo di profumi, di sostanze nutrienti, di eccipienti,  di piante di principi attivi di marche e di un sacco di altre cose. Mi magnifica una certa casa, mi dice che usa solo materie prime eccellenti, tutto controllato, anallergico  ecc ecc Ve la faccio breve: scelgo il consigliato, acquisto , esco e soddisfatta torno a casa per provare la novità.
Come mia abitudine spacchetto ammiro design, confezione e colore e poi prendo il bugiardino per controllare il corretto modo d'uso e tutti gli ingredienti.
Apro , cerco la parte in italiano tra le mille di lingue impossibili, ma l'introduzione è in inglese e dice "Phito maquillage......" : la crema è prodotta utilizzando estratti delle piante ricche di vitamine  e altre eccellenti qualità; controllo quali piante in particolare sono utilizzate nella mia. Non ci crederete mai : FRANGIPANE!!!!!

Aceti aromatizzati
aceto

L’idea mi è venuta consultando ieri il sacro testo per tutti coloro che amano lavorare in giardino eseguendo le normali , massacranti attività di mantenimento del medesimo: “Giardinaggio per negati” . Ad un certo punto, mentre scorrevo alcune pagine di autorevoli consigli su come mettere in pratica le astuzie e le malizie che permettono ai tuoi fiori di proliferare sani e rigogliosi e di come poi utilizzare siffatti fiori, arrivo al paragrafo che si intitola “Aceto alle erbe” . Ecco la folgorazione: vado di aceto aromatico perché la cosa mi intriga moltissimo. Ed eccovi le prime tre produzioni . La ricetta che immediatamente mi è venuta in mente la tengo da parte per le nostre strennucce che tra poco partiranno con un bellissimo giro di ricette primaverili e quindi per ora non ve la svelo. Però nel frattempo ne ho preparate altre tre, di creazioni "acetiche": due sono, diciamo, preparate con ingredienti esterni, mentre una è preparata con ingredienti di "produzione propria". 
Eccovele in fila indiana :

Aceto rosso ai lamponi, 
aceto rosso al pepe rosa 
Aceto di mele al timo limone, erba cipollina e coriandolo.
Nei prossimi post vi proporrò invece gli aceti bianchi e saranno
alla rosa
ai fiori di salvia
al pepe rosa e miele di acacia
ai fiori di rosmarino
ai fiori di erba cipollina 
ai fiori di lavanda rustica.
Si comincia!

aceto
Partiamo con la spiegazione.
Innanzitutto le materie prime devono essere di buona qualità: quindi un buon aceto, frutti sani ed erbette di sicura provenienza, cresciute senza trattamenti pericolosi. Poi, per tutti gli aceti aromatici, bisogna seguire la stessa procedura: lavare attentamente frutti ed erbe, asciugarle disponendole su uno strofinaccio o carta da cucina, nel caso dei micidiali lamponi, e la scelta secondo preferenza personale di aceto rosso, bianco o di mele.

acetoCome proporzioni diciamo una tazza di erbette per 1 litro di aceto, o circa dal 5 al 10% del peso dell’aceto o , come ho letto nella Rubrica di enologia, la percentuale di "spazio" occupata dagli aromi pari all'incirca al 5% e il resto occupato dall'aceto. In ogni caso come sempre sarà il vostro gusto personale a guidarvi: qualche prova vi dirà ciò che è meglio per voi. Il procedimento è più o meno sempre il seguente: lavate bene l’ingrediente o gli ingredienti scelti (ovviamente se serve: il pepe rosa non ne ha bisogno!!) asciugateli e metteteli in un barattolo di vetro. Copriteli con l’aceto e chiudeteli (qui il Sacro Testo di giardinaggio suggerisce di non usare tappi di metallo, ma di preferire plastica o sughero). 
Riponete i barattoli in un luogo fresco e buio per un periodo che va dalle 2 settimane alle 6 : più lungo è il periodo, più intenso sarà l’aroma conferito dagli ingredienti. 
aceto
Non appena il gusto e il profumo saranno di vostro gusto, filtrate l’aceto e mettetelo in bottiglie. 
Questi aceti servono soprattutto per donare un aroma particolare e diverso sia alle insalate che ad altre preparazioni: nel caso specifico Quello ai lamponi è consigliato per l’utilizzo con le insalate di pesce, quello al pepe rosa con insalate miste (ingredienti dell'insalata possono essere filetto di trota salmonata alla griglia ridotto in pezzetti e lattuga suggerimento sempre dalla rubrica di enologia), antipasti di pesce, carne mentre quello di mia creazione direi che si abbina benissimo con le insalate anche più semplici perché il suo bouquet è già piuttosto ricco.La rubrica di enologia suggerisce di procedere anche in modo diverso rispetto al solito per valorizzare queste creazioni profumate .

acetoCito testualmente “Un modo per consumare questi condimenti è la preparazione di insalate molto semplici a base di pane tostato: va benissimo il pane in cassetta tagliato a fette che si acquista confezionato al supermercato (ma va bene anche il pane raffermo), le fette vanno passate nel tostapane e quando sono ancora relativamente morbide vanno tagliate a cubetti.
Così tagliate si adagiano nell'insalatiera e su di esse va versato un po' dell'aceto aromatizzato che avete scelto. Gli altri ingredienti vanno conditi a parte con olio, sale e pepe e solo dopo vanno uniti ai cubetti di pane. A seconda dell'aceto che avrete usato potrete abbinare i vari ingredienti."
Vedete voi se vi va di provare anche così 
Va da se che noi lo assaggeremo, appena pronto, su pane fresco con un velocissimo giro d'olio e un pizzichino di sale... alla facciaccia delle diete da stress... :-))))
Ah, un piccolo suggerimento: se ben confezionato, non vi pare che sia un piccolo dono originale e piacevole?
Per ora buona giornata a tutti
Dani

Condividi post

Repost 0
Commenta il post

Daniela 04/25/2012 12:24

sono profumata come un pasticcino!!! :-)))) Qualcosa di dolce ogni tanto bisogna pure concederselo, no? e io lo spalmo sul viso ;-))))))))
Buonissima giornata

Pellegrina 04/24/2012 21:15

Così adesso profumerai di mandorle? Però!

Daniela 04/24/2012 21:10

silvia!!!!! forse e dico forse, non ne avevo bisogno....:-)))
Così vado a vedere il sito .....
bacetti ricambiati

Silvia M. 04/24/2012 16:34

Aceto? No grazie. Bella signora, lei "non fa un uso smodato di creme di bellezza trucchi e similia" NON perchè è spartana ma semplicemente perchè NON NE HA BISOGNO.
La prossima volta, prima di acquistare qualcosa, fai un giretto su questo sito www.beautypedia.com -
Bacetti

Daniela 04/24/2012 14:05

LLora aspetta: ne ho ancora qualcuno che penso ti piacerà!!!! Grazie mille Roberta: ricambio con gioia l'abbraccio :-)

Daniela 04/24/2012 14:03

ti confesso Gloria , che ha su di me un effetto assolutamente terapeutico! Più strappo erbacce, zappo e poto, meglio sto!
Un abbraccio

Daniela 04/24/2012 14:02

anche io sono curiosossima di assagiarli tra un mesetto... per ora già il profumo invoglia, considerando che amo l'aceto!
buona giornata

Daniela 04/24/2012 14:01

se non è destino quello!!!!! Grazie Giovanna :-)))

roberta 04/24/2012 13:10

Aceto ed olio aromatizzati? con me sfondi una porta aperta. E si', confermo: sono bellissimi e graditissimi regali! Quello al pepe rosa, mi manca. Provvedo! Un abbraccione!!

gloria cuce' 04/24/2012 11:47

Sembrano profumi! Bellissimi, non vedo l'ora di andare giù a curare i miei giardini.
Baci

Cleare TheRedTomato 04/24/2012 10:54

sarebbero un regalo carinissimo!! Voglio fare quello con i lamponi da tempo, ha un colore troppo bello! a anche quello col timo etc deve essere particolare! Crecherò di realizzarne almeno 1 e poi provo ad usarlo col trucchetto del pane!

Daniela 04/24/2012 09:20

ahahah faremo una disfida a forza di profumate bottigliette!!!
Bacioni e grazie per il tuo pensiero bellissimo!

Daniela 04/24/2012 09:18

confesso senza pudore, che avrei voluto dare una assaggiatina :-))))!!!! Ma ho rinunciato, con decoro, e mi sono limitata a utilizzarla pensando intensamente a tutto quello che avevo appena visto nel blog: non è apparso nulla, ma almeno il profumo mi ha consolata!
baci, ragazzo!

Giovanna 04/24/2012 09:15

Un segno del destino " la frangipane" ingrediente della crema di bellezza ;)
Questo post lo salvo tra i miei preferiti, gli aceti aromatici che bella idea ;)

giuli2809 04/24/2012 08:16

Aspetta Che siano cresciute le erbette del terrazzo Che faccio una strage e mi acetizzo tutto. Fede adora l'aceto!!! Baci

Gambetto 04/24/2012 08:12

Per gli aceti passo...non li amo tantissimo e quindi ho immediatamente l'alibi per passare alla domanda che ti volevo fare sin dall'inizio:"Dimmi la verità, dimmela ti prego...ma hai avuto il desiderio di provarla la crema???" Io confesso che forse con l'indice, appena appena un pò forse avrei osato...sempre tenendo con l'altra mano il telefono con l'118 digitato ed il tasto pronto per l'invio! :P ahahahahahahaha