Starbooks di marzo : Sea salted caramel tart with Javanese milk chocolate

Di Daniela

PicMonkey Collage

 

 

 

 

 

 

Direi che non ci può essere una presentazione migliore di quella che lo stesso Paul Young fa della sua tarte:

 

"Questa crostata con il suo voluttuoso ripieno di cioccolato al caramello, è l'adattamento di una mia ricetta di caramello al sale marino, che mi ha consentito di vincere il mio primo premio in assoluto all'Accademia del Cioccolato del Regno Unito. L'aggiunta di un pizzico di sale marino al cioccolato o al caramello è molto popolare in questi giorni: equilibra i livelli di zucchero, intensificando il gusto naturale di caramello e riducendo la sensazione stessa dello zucchero. Si può provare a sperimentare con diversi sali, che sono così numerosi, sia marini che di roccia, nei supermercati. Il Fleur de sel, la crema di sale marino francese, è uno dei miei preferiti. Qualunque cosa decidiate di fare, però, evitate i sali da tavola in quanto è troppo evidente il sapore non naturale e non sono affatto adatti per il cioccolato" .
E' assolutamente veritiera. Il caramello salato al cioccolato è come una morbida onda che si scioglie in bocca, a cui i chocolate nibs, il cuore delle fave di cacao, sbriciolati, oppure, come suggerisce in un'altra occasione lo stesso autore, le mandorle spezzettate e tostate, conferisconi una piacevole nota croccante .E' un insieme decisamente poco dietetico, ma equivale ad un piccolo piacere speciale che, nel periodo del cioccolato per eccellenza, la Pasqua, è bello regalarsi.
 
Oggi le splendide ricette mozzafiato che vi presentiamo con le altre starbookers sono:

La Apple Pie di Mary Pie : Vellutata di topinambur con cialde di pecorino e cioccolato

 

 

 

Crostata al caramello salato con cioccolato al latte
(Sea salted caramel tart with Javanese milk chocolate)
tarte
 
Per la frolla
350 gr di burro a temperatura ambiente
150 gr di zucchero di canna
4 rossi d'uovo
500 gr di farina 00
Per il ripieno
200 gr burro a temperatura ambiente
200 gr di zucchero Muscovado (lo zucchero di canna più scuro e umido)
200 gr di panna fresca
1 cucchiaino di sale marino
200 gr di cioccolata al latte al 40 % (se la trovate, giavanese)
Per la decorazione 
50 gr di fave di cacao spezzettate o altrettante mandorle spezzettate e tostate
 
DSCF8397
 
Preriscaldate il forno a 180 gradi.
Preparate la frolla mescolando burro e zucchero con un mestolo di legno, finché non otterrete un insieme soffice. Aggiungete i rossi d'uovo e 50 ml di acqua mescolando bene. Aggiungete poi gradualmente la farina fino a formare una pasta soda. Avvolgetela nella pellicola trasparente e fatela raffreddare per almeno un'ora.
Tirate con il mattarello la pasta ad uno spessore di circa 3 mm e utilizzatela per rivestire 4 formine da crostata. Cuocete in forno per 25 minuti, finché non diventa dorata e croccante.
Intanto preparate il ripieno: scaldate il burro e lo zucchero in una padella larga e fate sobbollire per 2 minuti.
Aggiungete la panna e il sale e riportate ad ebollizione per 5 minuti.
Togliete  dal fuoco e buttate dentro il cioccolato al latte spezzettato, mescolando finché non é completamente sciolto.
Rovesciate delicatamente il caramello in ogni crostatina e lasciate raffreddare in frigorifero, finché non diventa sodo.
Per decorare ed aggiungere croccantezza, mettete  un po' di fave di cacao, o nel mio caso mandorle tostate in un padellino leggermente imburrato, sulla superficie del caramello.

Suggerimenti
  • Per effetturare una miglior cottura in bianco, bucherellate il fondo della crostata con i rebbi di una forchetta e dopo avere ricoperto il tutto con un pezzo di carta forno, mettete sopra fagioli secchi o quello che di solito usate per far si che la pasta non si gonfi troppo in cottura.
  • Avendo finito il fleur de sel ho utilizzato del sale rosa dell'himalaia in quantitativo leggermente minore.
  • Ultima osservazione: ho utilizzato delle formine per crostata del diametro di circa 12 centimetri ed ho ottenuto così 9 crostatine.
Buona giornata a tutti
Dani

Condividi post

Repost0
Commenta il post
L
Una botta di calorie.....ma mmmm..mi sa che sono tanto buoni....da provare...
Rispondi
P
Sto seguendo con molto interesse questo starbook. Il tema del libro lo adoro e ogni ricetta che tirate fuori è una vera libidine :D Vado a sbirciare le altre :D
Rispondi
M
No Dani, no! Questo è veramente troppo! "il caramello salato al cioccolato è come una morbida onda che si scioglie in bocca"???
Per non parlare dell'ultima foto che riproduce alla perfezione questa tua descrizione...
Basta, questo Starbooks è stato una vera tortura, soprattutto se non si è ancora Paul Young muniti ;)
Rispondi
A
Niente di più vero in questa descrizione di Paul Young. E' una vera poesia!
Rispondi
L
Che delizia.. e il sale nel cioccolato al caramello mi ispira, perchè sicuramente da un senso e non scade nel dolce stucchevole che a volte il caramello ha.
Buono!
Buona giornata!
Rispondi
A
Ecco uno di quei casi in cui una foto parla da sola! :-P
Rispondi
C
Ohhh...questa crostata ha un aspetto così voluttuoso e cremoso che è impossibile non bramarne una fetta...
Posso solo immaginarne il sapore vagamente salato e caramelloso...
una tentazione per qualsiasi dieta..
un abbraccio
sara
Rispondi
S
Dani: porca miseria per la prima volta vedo una ricetta che finisce alla numero uno come posizione della mia todolist. Cribbio, se la postavi un pò prima diventava il dessert di Pasqua! Ma non preoccuparti, per il weekend dopo ho ovviamente un invito a pranzo e non mi manca l'occasione per farla. Ho l'acquolina in bocca. Un bacino, Sere
Rispondi
E
Mi volete proprio ammazzare di gola con questo starbooks!!!
Rispondi
F
Io dico che non solo a pasqua ci si possono concedere certi lussi... ;)
Rispondi
L
Foto moooooolto esplicite e invitanti !!!! Questo Paul ci ha proprio stregate !!!!
Rispondi
D
Confermo sotto ogni punto di vista :-))!!!!!
Rispondi
D
Si c'è davvero da rifarsi gli occhi!!!! A presto Paola!
Rispondi
D
Ahahahahahah... mi si è risvegliato il poeta dentro , dopo che ho assaggiato il tutto... :-)))) Sono davvero crudele, lo so :-) Baci, Mari!
Rispondi
D
Confermo :-)
Rispondi
D
Diciamo che conferisce una personalità più decisa al tutto! Grazie e buona giornata Laura!
Rispondi
D
Stefi ora vengo a svenire un po' da te :-))
Rispondi
D
Vero Sara, è l'antidieta per eccellenza: ma forse, con una fettina mignon di una mini crostata anche la dieta è salva e il nostro spirito anche :-)
Bacioni
Rispondi
D
Sere, spero che i tuoi ospiti siano amanti del cioccolato perchè in questo caso li lascerai senza oarole!Un abbraccio e Buona Pasqua
Rispondi
D
Spero i tuoi ospiti siano golosi di cioccolata perchè li manderai in sollucchero!!!! :-)) Un bacino anche a te :-)
Rispondi
D
;-)) Siamo anche un po' autolesioniste :-)
Rispondi
D
Tu sei una donna estremamente saggia, l'ho sempre detto :-))))
Rispondi
D
diciamo che sa come affascinare le papille gustative!!!! ;-))))
Rispondi
L
mi ispirano molto queste crostate.
ho notato che il nostro caro paul usa lo zucchero di canna sempre e comunque. in effetti anch'io lo preferisco, ha un profumo che quello normale non se lo immagina nemmeno.
buona pasqua mia cara!!
Rispondi
L
non posso commentare... sono svenuta!
Rispondi
D
Si è un suo punto fisso... ma devo dire che lo uso , come te, anche io spessissimo.
Buona Pasqua anche a te e un super abbraccio
Rispondi
D
ahahahahah :-)))))))))
Baci Lara!
Rispondi
C
fantastica questa crostata!! non mi resta che provarla per scoprire se è più buona questa o la mia ;)))
bravissssssssima!
Rispondi
D
ahahahah, una lotta tra titaniche crostate dire!!!!! Un bacione Cri!!!
Rispondi
A
A queste tentazioni cedo sempre volentieri... non sono capace di resistere!!! Voluttuoso è proprio la definizione perfetta per le sensazioni che ispira questa torta vedendo le foto, ma sono sicura anche dall'assaggio :-)
Un bacione
Rispondi