Di pizza squisita con pasta madre e di impegni vari ed eventuali

Settimane caotiche, queste, al limite del convulso: la fine della scuola si sovrappone sempre più alle giornate dei concerti e dei saggi che si succedono a ritmo serrato e non solo in città. E' tutto un fiorire di prove, prove generali, prove a settori, prove delle prove e prove finali... quest'anno poi, non paghe degli impegni già schiaccianti, abbiamo pure iniziato un corso di teatro con i compagni di scuola e quindi anche qui, per lo spettacolo finale, prove, prove, prove.....

E io in tutto questo? Di volta in volta, ascoltatrice, pubblico, chauffeuse, truccatrice, coiffeuse, e, soprattutto, sostenitrice anti-ansia per ogni evenienza. Per non parlare del fatto che abbiamo ancora un paio di esami da sostenere, prima che termini giugno :-)!

Comunque, vi ho detto tutto ciò per giustificare la mia parziale latitanza: tutti questi ruoli si assommano ai miei naturali impegni e mi tengono occupata fino ad orari spesso irragionevoli per le mie abitudini.

Ma per sostenere tanto "talento a tutto tondo", bisogna pur preparare qualcosa di buono, no? Così, complice la mia meravigliosa pasta madre (grazie Maria Silvia!!!!), per ingolosire i commensali preparo ogni tanto la pizza... Ricetta fantastica semplicissima, questa, che da modo di prepararla come piace a me: croccante sul fondo e morbida sopra... da urlo!

Prepararla in questo modo la rende digeribilissima e leggera, esattamente quello che ci vuole con questo caldo: cuocendola poi di sera, quando le temperature concedono un po' di tregua, l'accensione del forno non uccide neppure.... :-)

La ricetta proviene da un esperimento della bravissima Patrizia di Pan di pane: io la trovo davvero super!

Pizza con il lievito madre

Di pizza squisita con pasta madre e di impegni vari ed eventuali

Preimpasto o prefermento:
10 gr di Pasta Madre solida o liquida,
160 gr di farina Manitoba o farina forte (bio) e
130 gr di acqua. 

Ingredienti:
300 gr di Preimpasto (come sopra),
200 gr di farina tipo 0 o di farro 
85 gr di acqua,
olio di oliva per ungere la teglia e la 
1 cucchiaino di zucchero, malto o miele e
10 gr di sale.

PicMonkey Collage 

Preimpasto:

Impastate con un cucchiaio gli ingredienti, lasciate a temperatura ambiente fino a che da cenno di aumentar volume, poi mettete il composto in un contenitore chiuso in frigorifero. Deve triplicare di volume. Lasciatela lì 3 giorni (oppure 1 giornata o una notte a temperatura ambiente): tolta dal frigo, lasciatela ancora una mezz'ora a temperatura ambiente.

Impasto:

In una ciotola, sciogliete bene il preimpasto con l'acqua e zucchero (malto o miele), poi a cascata aggiungete la farina con il sale. Amalgamate grossolanamente fino a che la farina non abbia ben assorbito tutto il liquido. Lasciate riposare un'ora circa, coprendo con un piatto.
Riprendete l'impasto e lavoratelo, facendo delle pieghe, per dargli più struttura, fino ad ottenere una massa liscia ed elastica. Per  "fare le pieghe" ad un impasto utilizzate questo metodo: tirate l'impasto e ripiegarlo su se stesso con dei momenti di riposo, questo metodo ossigena l'impasto e sviluppa la struttura del glutine adatto con farine deboli.

Lasciate riposare 2 ore e ripiegate in 4 l'impasto. (Io a questo punto aggiungo ancora un riposo di qualche ora, anche 2 o 3, ma la ricetta originale non lo prevede). Appoggiate dopo un'ora l'impasto sul piano infarinato, con le mani allargatelo delicatamente, schiacciando delicatamente con i polpastrelli, e cominciate a dargli la forma della teglia. (Farlo sul piano di lavoro impedisce che l'impasto, con l'ultma lievitazione, assorba l'olio che si usa per ungere la teglia in cui cuocerà, ma è un passaggio che volendo, se la teglia in particolar modo è antiaderente, si può saltare.)

Lasciate all'impasto circa 30 minuti di riposo, poi spostatelo sulla teglia oleata, dove la lascerete riposare ancora un'ora. Totale 4 ore e mezza ed è pronta per la cottura. (Come dicevo, io a volte la lascio anche qualche ora in più: per intenderci, preparo il preimpasto la sera, impasto il tutto la mattina alle 9, per poi mangiare la pizza per cena) 

Quando è visibilmente ben gonfia, condite la pizza con della passata di pomodoro e con tutto ciò che vi passa per la mente, anche se la preferita, qui da me, è "capperi e acciughe"!. 

pizza 

Cottura:
Infornate a forno ben caldo.

Io utilizzo la temperatura di 220°C e posiziono la teglia, con la pizza già condita, nella parte bassa del forno: la lascio cuocere circa 15 minuti.

La ricetta originale invece dice cottura per 10 minuti, a 240°C, per 10 minuti, con la teglia a metà del forno e solo pomodoro sopra, e poi aggiungere gli ingredienti e cuocere per altri 10 minuti. 

Scegliete voi la cottura più adatta al vostro forno e al vosro estro!

Sentirete che meraviglia!

Buona giornata

Daniela

Condividi post

Repost 0
Commenta il post

Silvia 04/21/2016 20:25

Ricetta moltoo interessante soprattutto perchè con lievito madre. leggendola ho una perplessità: solo 10 gr di LM, sembra pochissimo

Menuturistico 04/21/2016 22:10

credi. è davvero sufficiente , se segui il procedimento correttamente, per ottenere una pasta morbida e leggera!